Illuminazione del rustico

Luce per illuminare il rustico di casa

Un ambiente rustico, per risultare più splendido e più vivibile, deve necessariamente essere illuminato a sufficienza e soprattutto con criterio. Difatti, valorizzare ogni angolo del locale e di conseguenza tutti i suoi particolari più accettabili, mettendo in secondo piano le cose meno interessanti, lo rendono splendido e bello.

La vivibilità aiuta il padrone di casa a rilassare la propria vista, né luce eccessiva e né luce fioca, ma giusta ed equilibrata illuminazione. Ogni rustico, dunque, rivela peculiarità uniche che lo rendono speciale particolarmente in rapporto al tipo di arredamento.

Naturalmente gli “ingredienti” per il raggiungimento di questo obiettivo sono: seguire semplici e oculate regole ed applicare uno studio appropriato dell’ambiente; in questo modo si ottiene un’ottim proporzione tra luci ed ambienti.

La collocazione di una serie di faretti con fascio largo è estremamente utile ad illuminare il salone soggiorno adibito al relax e all’intrattenimento con amici e parenti. La luce diventa ottimale specie se i faretti, appesi al soffitto, siano sovrapposti in modo che anche la luce dei faretti si sovrapponga, cosi da garantire un’illuminazione più piacevole.

Nell’ambiente rustico non possono mancare lampade da terra munite di lampadine ad incandescenza, specie se posti accanto alle poltrone e ai divani; qualora non bastassero si potrebbe aggiungere un’ulteriore lampada, in questo caso da tavolo, in relazione alla grandezza e all’estensione della camera. Accorgimento importante, quindi, è di tenere sempre sotto controlla la grandezza dell’ambiente.

Non solo la stanza deve essere messa in luce, anche gli arredi, tra cui i quadri, possono essere messi in risalto ed illuminati con piccoli faretti, i cui bracci non facciano da ostacolo alla luce né creino disturbo alla vista.

Altri momenti particolari della giornata sono quelli che si trascorrono davanti al televisore, ore di svago e di rilassatezza da non perdere di vista e quindi da non sottovalutare la tipologia di illuminazione; seguire i programmi televisivi al buio è imprudente. La fonte luminosa deve essere bassa e riposante per non stancare gli occhi, meglio creare una luce protetta da un paralume, per non infastidire gli occhi e sottrarsi ai riflessi sul teleschermo.

Passando alla zona cucina, luogo in cui a volte si trascura l’illuminazione adatta, specie sul piano di lavoro: la luce non deve alterare i colori dei cibi e soprattutto deve fornire una buona illuminazione. Una o più lampade che poste lungo tutta il piano di lavoro, dotate di qualche sicura presa di corrente, perfettamente a norma quanto la scelta delle lampade, aiuterebbero il lavoro e faciliterebbero la vista durante le ore di preparazione dei pasti.

Inutile far presente che le luci non vanno collocate sopra la zona cottura o nei luoghi di massima concentrazione di calore. Scegliere, quindi, faretti o in alternativa una lampada posizionata al di sopra del piano di lavoro.

Creare un’atmosfera gradevole intorno al tavolo da pranzo con un’illuminazione adatta è un’indicazione da non sottovalutare, ad esempio si possono adottare lampade a soffitto o lampadario che scenda perpendicolarmente al tavolo. Anche i variatori d’intensità contribuiscono a realizzare effetti di luminosità alquanto suggestiva e generano un’atmosfera idonea; importante, però, che la scelta del tipo di luce privilegi un effetto finale di luce calda.

In un ambiente particolarmente grande, si possono collocare delle applique alle pareti, che diffondano la luce verso l’alto o verso il basso, secondo le proprie esigenze; da no dimenticare che questo tipo di illuminazione fa risaltare tutte i difetti delle pareti.

La motivazione più impellente per cui dover curare questa parte dell’abitazione rustica è data dal fatto che ci si riferisce alla stanza in cui si trascorre la maggior parte di tempo e soprattutto essa è il centro della casa, deve essere realizzata senza dubbio in maniera ottimale. C’è anche un altro tipo di sistema per una corretta illuminazione di un rustico, l’uso delle cosiddette lampade d’appoggio sui mobili: elemento importante per l’effetto generale.

Questo tipo di lampada seppure diffonda poca luce crea però un effetto molto romantico. Anche in questo caso si deve far uso di interruttori dotati di un variatore d’intensità in maniera da poter regolare l’intensità della luce e procurarsi un’illuminazione molto riposante. Se si scelgono le lampade a piantana a luce indiretta, occorre disporre negli angoli una quantità di lampade in rapporto alle dimensioni della stanza ed ottenere, così, una potenza adeguata.

Alcuni applique con vetro non troppo potente si possono disporre intorno agli specchi o nella parte immediatamente al di sopra; soluzione non complessa che si può eventualmente realizzare anche su qualunque quadro.